21/10/20

Le Frazioni - Bollettino 2019

 

Carissimi,

eccoci, ancora una volta, a questo annuale appuntamento con il bollettino. Devo sempre grande riconoscenza a don Franco che ci ospita nelle pagine della sua annuale pubblicazione che è una preziosa e attesa sintesi di un anno di vita religiosa e civile in Bardonecchia e quindi anche delle nostre piccole frazioni. Da soli, lo avevo già sottolineato altre volte, non potremmo sostenere una nostra pubblicazione, proprio per il numero limitato delle copie.

L’evento principale nella vita della nostra chiesa locale è stato il cambio del vescovo. Mons. Alfonso Badini Gonfalonieri, al compimento dei 75 an- ni ha rassegnato le dimissioni, come prescritto dalla legge, dimisssioni accolte dalla S. Sede e il Papa ha designato S.E. Mons. Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, Amministratore Apostolico della Diocesi di Susa. Questo significa che la Diocesi rimane, per ora, nella sua integrità con un unico vescovo insieme a Torino. Abbiamo già avuto modo di incontrare il nuovo vescovo, che in questi primi mesi non si è risparmiato con visite alle parrocchie della diocesi e a varie istituzioni. Lo abbiamo così conosciuto pastore sollecito e paterno, attento alle realtà locali, affabile nel contatto con le persone. Noi avremo l’onore e la gioia di incontrarlo a Melezet il Sabato 18 luglio, avendo di buon grado accettato di partecipare alla nostra festa dello Scapulaire.

Il nostro nuovo pastore: 
S. Ecc. Mons. Cesare Nosiglia.

A Mons. Alfonso Badini Confalonieri va la nostra riconoscenza per i quasi 20 anni di episcopato che lo hanno visto partecipare a tante nostre iniziati- ve, come il bollettino ha puntalmente registrato. Ha scelto di abitare a Bardonecchia nella villa di famiglia e lo abbiamo già avuto il giorno della festa patronale di Melezet e ancora avremo modo di averlo tra noi in altre occasioni, data la sua disponibilità.

Il bollettino riporta in sintesi gli eventi che hanno ritmato questo ultimo anno, e non starò a ripetermi, la nostra vita trascorre con serenità nelle sue varie dimensioni e nel succedersi delle stagio- ni. Non abbiamo certo risolto tutti problemi materiali e spirituali, alcuni come il salvataggio della Cappella del monte Tabor sono ancora in gestazione, ma vorrei rassicurare tutti che anche questo grave problema è seguito e speriamo di giungere presto a una soluzione positiva.

Per quanto riguarda la mia persona, gli anni vanno avanti... ma riconfermo la mia volontà di andare avanti, pur con qualche limitazione, fino a quando il Signore vorrà e voi mi accetterete, con tutti i mei difetti, non negandomi l’aiuto necessario nel mio ministero. Con questa speranza vi saluto con l’affetto di sempre. Pregate per me!

don Paolo


20/10/20

Angolo della cultura - 2019



Il pellegrinaggio a Roma (3 parte)

 Il pellegrinaggio a Roma dal VI al XIII secolo.

 La Chiesa di Roma, fin dal suo sorgere, aveva affermato la sua primazia su tutte le altre Chiese, per il fatto di essere l’erede della potestà che Cristo aveva conferito a s. Pietro: nel periodo in cui la parte occidentale dell’impero romano stava inesorabilmente decadendo, la Sede romana aumentava la sua influenza sulla Cristianità, fino a proporsi come scrigno della spiritualità universale, una seconda Gerusalemme. L’immenso patrimonio costituito dai corpi di s. Pietro e di s. Paolo, di cui era dotata, fu ulteriormente arricchito per volere dei papi, che fecero raccogliere il maggior numero possibile di reliquie apostoliche.

 Roma, lontana da Costantinopoli e dall’influenza della sua corte, sul finire del secolo VIII, al termine delle lotte iconoclastiche, ottenne l’affrancamento politico da Bisanzio. In quel periodo, i pontefici diedero a Roma la possibilità di aumentare la sua influenza sulle regioni settentrionali d’Europa, favorendo l’insediamento di numerose scholae peregrinorum, cioè sedi religiose nazionali, dei Sassoni, Franchi, Alemanni, Longobardi e di altri ancora, che scelsero per i loro ospizi, i luoghi il più possibile vicini alla basilica vaticana, divenuta la meta principale dei pellegrini che accorrevano dai luoghi più lontani, per venerare la reliquia più preziosa, la tomba dell’apostolo Pietro.

Il pellegrinaggio a Roma, allora, non era legato ad una indulgenza maggiore di quella di altri luoghi, come avverrà in seguito all’indizione del Giubileo del 1300, ma rappresentava una visita che i fedeli compivano spontaneamente, come atto di fede.

 Soprattutto ad opera dei papi del VI secolo, si ebbe una stabilizzazione del culto dei martiri per i quali si sviluppò una liturgia specifica; il possesso di reliquie, che allora era ritenuto di così fondamentale importanza che il furto ne veniva giustificato come un atto religioso, fu scoraggiato. Papa Gregorio Magno (a.590-604) infatti, stabilì che un oggetto, venuto a contatto con una reliquia, ne assumesse il valore 1).

18/10/20

Gruppi e Associazioni - Bollettino 2019


La Cantoria di Sant’Ippolito ha avuto il piacere di essere invitata a tenere un concerto il 27 Luglio 2019, presso la chiesa Parrocchiale di Saint-Marcellin, in occasione del Festival Estivo di Musica di Névache, organizzato dall’Associazione “Amis du Patrimoine Religieux de Névache”.
La responsabile, signora Christiane Champ, ha desiderato fortemente la presenza del nostro coro in occasione di una raccolta fondi, organizzata dalla Parrocchia di Névache, per fi nanziare gli onerosissimi lavori di consolidamento della Cappella del Thabor.Questo luogo di culto antichissimo, tanto caro alla Parrocchia di Melezet e a tutta la conca di Bardonecchia, è altresì di grande importanza per la Vallèe de La Clarée e in particolare per Névache.
La Cappella, dedicata a Nostra Signora dei Sette Dolori sulla vetta del del Monte Thabor è meta di pellegrinaggi italiani e francesi: da entrambi i versanti e da entrambe le parrocchie di Melezet e La Cantoria di Sant’Ippolito a Nevache (foto: collezione F. Blandino).
Névache ci si sforza di creare occasioni per raccogliere fondi e sensibilizzare circa il gravissimo problema dello sfaldamento della roccia sottostante la Cappella che minaccia il crollo della stessa. A questo proposito abbiamo avuto il grande piacere di vedere tra il pubblico la presenza di Don Paolo Di Pascale, intervenuto come parroco di Melezet e appassionato di musica, nonché organista su cui il nostro coro può contare in caso di bisogno.
La nostra Cantoria, preparata da Fabrizio Blandino e accompagnata all’organo da Stefania Balsamo, ha presentato una selezione fra i canti più belli e impegnativi del suo repertorio, intrattenendo il caloroso pubblico per circa un’ora e mezza.
I cantori, emozionati, sono stati molto soddisfatti per questa occasione speciale e per l’invito ricevuto.
(Stefania)

I Nostri pellegrinaggi - Bollettino 2019


Santuario della Madonna delle Rocche

Mercoledì 22 maggio la parrocchia di Sant’Ippolito dà inizio ai consueti pellegrinaggi iniziando da quello Mariano che quest’anno ha per meta il santuario della Madonna delle Rocche sito nel comune di Molare in provincia di Alessandria.

Il viaggio, tutto in autostrada, scorre velocemente scendendo prima la Valle di Susa e poi, attraversando da Nord a Sud la pianura piemontese, si tocca Torino, Asti ed Alessandria per uscire allo svincolo di Ovada dove si imbocca la statale per Acqui Terme. A Molare si devia a sinistra per una strada secondaria che, in mezzo ai prati, porta alla frazione Rocche e di qui al Santuario. A mano a mano che ci si avvicina alla meta il paesaggio cambia radicalmente, la campagna si infittisce di alberi creando un clima di silenzio che contribuisce a predisporre l’anima al raccoglimento e alla pace. All’arrivo si è piacevolmente sorpresi dall’ambiente privo di case, infatti il Santuario sorge isolato al termine di un ampio viale verde, che culmina con una maestosa scalinata. Il panorama è intatto e crea i presupposti indispensabili all’animo per non venire distratto; tutto invoglia alla preghiera e all’apertura del cuore. All’ingresso della chiesa Franca e Marco, precedentemente arrivati con mezzi propri, attendono il gruppo che a piedi risale l’ombroso viale in dolce pendio e l’ampia scalinata che conduce all’ingresso del Santuario. Appena entrati si rimane attratti dai numerosi affreschi che decorano l’interno dell’edificio sacro: La glorificazione della Madonna in cielo, La nascita di Maria, La visita di Maria a santa Elisabetta, Lo sposalizio della Vergine con san Giuseppe, Gesù nel Tempio tra i dottori della chiesa, L’Ultima Cena, Maria presentata al Tempio, L’Addolorata, La scena dell’apparizione di Maria Santissima a Clarice; senza contare la Pala dell’Altare della Madonna del Suffragio e quella di san Lorenzo martire. L’attenzione dei pellegrini è poi attirata dall’altare di san Lorenzo dove c’è l’urna di san Leone martire.

24/08/20

24 Agosto - San Bartolomeo al Vernet

 ... chiude la stagione delle Cappelle delle Borgate

Santa Chiara
Santa Margherita
Santa Maddalena
salendo alle grange del Frejus x San Giacomo
San Bartolomeo

Fotografie delle mamme Chiara e Giuliana

21/08/20

15 agosto 2020 - Festa dell'Assunta

LA FESTA DELL’ASSUNTA A BARDONECCHIA CON LA MESSA IN SANT’IPPOLITO

Scialli bianchi per la Priora di Sant’Ippolito 2020,
Adelina Yves Glarey, e per la sua Vice, Augusta Amprimo Portulano, per onorare Maria nella festa che la celebra, a metà agosto, assunta al cielo in anima e corpo, dogma riconosciuto come tale solo nell’Anno Santo 1950 da Papa Pio XII.
E don Franco nell’omelia, come sempre ricca di spunti teologici ma anche storici, ha ricordato l’origine della festa. La denominazione “ferragosto” deriva dal latino “feriae Augusti” (riposo di Augusto), in onore di Ottaviano Augusto, primo imperatore romano, da cui prende il nome anche il mese. Era un periodo di riposo e di festeggiamenti, istituito dall’imperatore stesso nel 18 a.C. In tutto l’Impero si organizzavano feste e corse di cavalli, e gli animali da tiro, esentati dai lavori nei campi, venivano adornati di fiori. Anticamente, come festa pagana, era celebrata il 1° agosto.